La SIRP "sulla notizia"

Elezioni SIRP

Elezioni per il rinnovo del Consiglio Direttivo SIRP

Online i candidati per il rinnovo del Consiglio Direttivo SIRP.
Vota online!


Cosa puoi fare per la ricerca pediatrica

Dona il tuo 5x1000 alla SIRP onlus per la ricerca pediatrica

Grazie al tuo 5 per mille perseguiremo finalità di solidarietà sociale nei confronti dell'infanzia e dell'adolescenza
Codice Fiscale: 95095210639


News dalla Letteratura Scientifica


12.12.2012

Le immunodeficienze primitive come “experimentum naturae” per comprendere la fisiologia della differenziazione dei linfociti T

Il timo è l’organo dove avviene la differenziazione e la maturazione dei linfociti T  e in  questo processo le cellule epiteliali dello stroma timico svolgono un ruolo cruciale. Nell’uomo, la sindrome di DiGeorge ha da sempre rappresentato il prototipo dei disordini da differenziazione del timo. Nel modello murino, lo studio dei fattori coinvolti nella differenziazione del timo ha portato alla identificazione del fattore di trascrizione denominato FOXN1 come essenziale sia per la differenziazione del timo che per le strutture epiteliali cutanee. Topi difettivi in questo gene presentano un grave deficit immunitario e  assenza di peli (“Nude phenotype”).

L’equivalente umano del topo “Nude phenotype” è stato descritto per la prima volta nel 1996 dal gruppo di Pignata. La presenza di un elevato numero di portatori eterozigoti nel villaggio di provenienza del paziente descritto, ha, da una parte richiamato l’attenzione sul rischio relativamente elevato della trasmissione della malattia in quella popolazione, e dall’altra, ha aperto la possibilità  di offrire una diagnosi prenatale. Nel presente lavoro si parla della diagnosi prenatale da difetto di FOXN1 in un paziente appartenente a quella popolazione.

A seguito dell’interruzione di gravidanza è stato possibile studiare l’effetto di questo gene negli stadi più precoci della differenziazione dei linfociti T. L’analisi delle sottopopolazioni linfocitarie in questo paziente ha evidenziato una significativa riduzione delle cellule CD3+ e nessuna di queste cellule era CD4+; un considerevole numero di cellule CD8+ era presente, nessuna di queste cellule esprimeva il CD3. Questi dati depongono per un arresto precoce dei linfociti T  allo stadio della espressione della catena alpha della molecola del CD8. Il prodotto del gene FOXN1 viene espresso nelle cellule epiteliali del timo. In assenza di questo gene le cellule epiteliali non sono in grado di interagire con i precursori dei linfociti T presenti nel timo e di inviare alle cellule CD8+ segnali che ne inducano la progressione maturativa. E’ un altro esempio che  imostra come le malattie siano di aiuto nel capire la fisiologia dei processi biologici.

 

Commento di: Alessandro Plebani
Director of Pediatrics Clinic
University of Brescia-Spedali Civili